21
Oct
Retail

I carrelli spesa intelligenti migliorano il Customer Journey

I lucchetti digitali possono fare molto di più che sbloccare i carrelli spesa

La loro funzione di base è molto semplice: i lucchetti con fessura per monete mantengono l'ordine in negozio, dato che il cliente riporta da solo il carrello nel box di deposito dedicato. Anche i lucchetti digitali possono farlo tramite sistemi digitali a premi e molto altro ancora. Le parole chiave sono fidelizzazione, Customer Journey, big data.

Il carrello spesa, più precisamente il lucchetto, rappresenta il primo contatto diretto con la maggior parte dei clienti presso il punto vendita. Pertanto, è logico integrare questo processo nel Customer Journey in modo funzionale e quindi trasformare il carrello spesa nel principale partner dei clienti durante gli acquisti in negozio. Niklas Kiechle, Project Manager Digital Solutions di Wanzl, spiega in che modo ciò possa funzionare. Gli specialisti del commercio al dettaglio di Leipheim hanno già sviluppato un lucchetto completamente digitale in collaborazione con JustTec, un'azienda che sviluppa sistemi di chiusura e tracciamento digitali: "Tutto ruota intorno alla digitalizzazione dei clienti. La funzione di base, ovvero lo sblocco, avviene tramite un'app e la comunicazione di prossimità (NFC). Abbiamo appositamente progettato il nostro come un sistema aperto perché possa essere integrato nelle app di terzi, ad es. dei rivenditori o fornitori di programmi bonus come Payback e DeutschlandCard. Questa integrazione di per sé è in grado di arricchire notevolmente le app dei nostri partner, poiché agli utenti può essere offerta un'altra funzione fondamentale per lo shopping. Ci aspettiamo che ciò aumenti significativamente il numero di utenti delle rispettive app di terzi. Più utenti significano più visibilità e, di solito, anche una maggiore fidelizzazione."

2.jpg

Inoltre, l'installazione di un collegamento cloud crea un "Ecosistema digitale di blocco" che stabilisce una comunicazione end-to-end tra tutte le parti e gli asset tramite protocolli conformi all'IoT. I gestori di punti vendita possono così raggiungere i loro clienti anche prima che entrino effettivamente in negozio, grazie a offerte personalizzate e promozioni che compaiono come pubblicità nella app. In questo modo è possibile ridurre i costi per la pubblicità su carta. Ma non è tutto qui. Se il login all'app è legato a una registrazione, è possibile l'inserimento di pubblicità personalizzata direttamente nel punto vendita. Naturalmente il nome reale del cliente non è noto e tutti i dati sono criptati. Tuttavia, l'app permette di tracciare i prodotti che il cliente acquista abitualmente, quando e dove. Ciò è in teoria possibile tramite app di terzi che non sono gestori di punti vendita, anche indipendentemente dal negozio. Per esempio, si potrebbe decidere di acquistare il martedì frutta e verdura dal fruttivendolo, il giovedì cosmetici in farmacia e il sabato salumi e formaggio al discount. In ogni caso, l'app offre la possibilità di riprodurre pubblicità personalizzata al momento giusto.

4.jpeg

I commercianti al dettaglio ricevono inoltre dati importanti per la gestione dei carrelli spesa e sul comportamento di acquisto dei loro clienti. Ogni singolo carrello spesa può infatti essere tracciato con precisione. In quale reparto si trova ora? Con quale frequenza è stato utilizzato? Quanti carrelli spesa sono in uso in un dato momento? I dati raccolti possono essere utilizzati per ricavare suggerimenti pratici per quanto riguarda la manutenzione dei carrelli spesa e il numero di carrelli effettivamente necessari. Si possono inoltre monitorare con precisione e in tempo reale i percorsi e i tempi di permanenza dei clienti nei diversi reparti dell'intero punto vendita. È dunque possibile trarre conclusioni a medio termine per l'ottimizzazione della gamma di prodotti, delle campagne di marketing o del layout generale del negozio. Così come è possibile gestire meglio gli orari di punta abituali e i picchi occasionali, riuscendo quindi a ottimizzare l'impiego del personale e a evitare le lunghe code alle casse.

5.png

Wanzl Connect® funge da centrale di comando sovraordinata: Store Management, Inventory Monitoring, Analytics e Recommendation possono essere completamente gestiti tramite la piattaforma basata su software. A tal fine, tutti i dati raccolti nel negozio confluiscono in Wanzl Connect® e possono essere visualizzati, analizzati e valutati tramite uno smart device, compresi i dati dei lucchetti digitali. Wanzl Connect® è programmato in modo aperto, in modo da poter integrare anche i prodotti digitali di altri fornitori. "In generale, la digitalizzazione nel settore del commercio al dettaglio procede a grandi passi, ma in particolare in Germania la trasformazione completa richiederà certamente del tempo. Per questo motivo, stiamo già lavorando alacremente su una soluzione ibrida per il blocco del carrello spesa, che consiste in un sistema a lucchetto tradizionale con serratura per monete e un sistema digitale, in modo che i nostri clienti, gestori di punti vendita al dettaglio, possano soddisfare il maggior numero possibile di clienti con un solo e unico carrello spesa. I carrelli spesa acquisiranno inoltre un notevole valore aggiunto grazie a funzioni extra come scanner, tablet o bilance", riassume Niklas Kiechle.

6.png